Spinn

#Lanternesonore in PAKISTAN

Pakistan è sinonimo di Islam, in suo nome è stato creato e ad esso canta inni. Epicentro della civiltà è stretto tra paesi di altrettanta antichità culturale: Afghanistan, Iran, India, Cina, con cui condivide influssi e instaura conflitti. In un tale paese la tradizione musicale si frammenta in miriadi di piccoli bacini regionali, ognuno con la propria lingua, i propri strumenti e le proprie fascinazioni. Il fattore comune, a parte rare eccezioni, è l’Amore: i canti dei devoti indirizzano tutti i propri sforzi a questo sentimento, a questo primo motore, e così l’amore della persona e della vita si fonde con dio.

MI0001685471cominciamo il nostro volo d’uccello dalle figure cardinali di questi sforzi. Nusrat Fateh Ali Khan e Abida Parveen sono delle istituzioni, vassalli di Allah e della meraviglia del suo operato. Entrambi appartengono alla corrente più filsofica e mistica dell’Islam, il sufismo, entrambi provengono – come è quasi di norma in Asia – da una tradizione musicale familiare ed entrambi cantano ghazal, la forma poetica persiana che discute su tutte le forme dell’amore, sia esso erotico, edonistico o spirituale. “Signore di tutto, se solo tu mi gettassi uno sguardo di miericordia, tutti i miei peccati verrebbero lavati via, tutti gli ostacoli sarebbero rimossi dal mio cammino, tu sei quello che pervade il mondo di colore, con il colore dell’amore io sarò pervasa, io non sento nulla e tu vedi tutto, il tuo splendore sono i raggi dell’alba, tu sei ciò che cerco” recita un canto, materiale interessante per un seguace di Carl Gustav Jung.

Art-350intirizziamo le nostre penne per spostarci in una regione fredda, affascinante e complicata: il Jammu-Kashmir, territorio di conflitto perenne con la confinante India. Qui, tra cavalli selvaggi, case di pastori addossate alle pendici di montagne che sembrano il concretizzarsi in pietra di un desiderio di bellezza e laghi immensi e infidi ricoperti di ninfee risuonano canzoni con differenti caratteri strumentali, per capirsi: rubab e non sarod tra i cordofoni. Salman Paras e Almas Aman sono esponenti della musica che rimbalza dai telefonini delle giovani generazioni, Malika Pukharaj è la regina della vecchia scuola, personalità fiera e indipendente che ha scelto di cantare nonostante l’assenza di una tradizione musicale familiare.

1200x630bbtra le rare personalità che si svincolano parzialmente dal canto amoroso è forse Sardar Ali Takkar il più rappresentativo. Deve la sua popoalarità, oltre che al carattere della sua voce, all’aver musicato le poesie del filosofo Khan Abdul Ghani Khan, figlio del grande Khudai Khidmatgar, politico legato strettamenet al Mahatma Ghandi e alla sua lotta non violenta per l’indipendenza. Il figlio, cantore apolitico anche se incarcerato per diversi anni per questioni governative, è strenuo sostenitore dell’importanza delle proprie radici culturali, dell’educazione e del legame con la natura.

036dbfbbc91d424b3c5b56476f31b4552be00e6fscendiamo adesso verso una tradizione musicale tra le più esaltanti dell’area indiana. Con Arif Lohar, virtuoso della chimta, entriamo nella regione musicale del Punjab, padrona assoluta del ritmo e della danza con le mani levate sopra il capo. Figlio di un grande della musica pakistana ha portato la propria interpretazione della tradizione in tutto il mondo aggiungendo al proprio ensamble caratteri strumentali occidentali, quali la chitarra elettrica, senza snaturarsi. Prova di ciò è l’esaltante interpretazione newyorkese di Jugni Ji!

xktzicil volo è stato lungo, dobbiamo riposare le ali e quale posto migliore di una bella tavola calda? Davanti a un piatto fumante di Biryani la musica da un televisore appeso ad un angolo ci distrae. Sorrisi, colori rotanti e danze. Bollywood? No, Lollywood, la Hollywood pakistana che intreccia trame di incontri tra amanti separati, azione e rievocazioni storiche. Da qui provengono le canzoni più popolari del momento, il film in onda però è un classico, Majajan, in cui a danzare, canatare e recitare è Saima Noor, vera e propria icona e diva pakistana.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *